sabato 15 marzo 2008

"Schwarzwälder Kirschtorte" o meglio "Foresta nera"

Come promesso ecco la ricetta...
Se cercate nei libri è previsto che usiate il pan di spagna al ciccolato. Io non mi ci trovo bene, diventa molto asciutta, perciò uso questa, forse un po più calorica, ma ne vale la pena, poi vedete voi! Questo impasto lo uso per fare molte torte, anche arricchite con altri ingredienti.
Per l'impasto della torta servono:
200 g di burro
200 g di zucchero
4 uova
1 bustina di lievito in polvere per dolci
1 bustina di zucchero vanillinato per dolci
200 g di farina
2 cucchiai da tavola di cacao amaro
1/2 bicchiere di latte freddo
Per il ripieno:
100 g di amarene sciroppate
500 ml panna fresca
2 Cucchiai da tavola di zucchero a velo (potete anche farne a meno)
Il prcedimento:
  • Ammorbidire il burro mescolandolo con lo zucchero e lo zucchero vanillinato fino a che non assume un colore bianco.
  • Sbattendo con l'aiuto di uno sbattitore elettrico o di una frusta, aggiungere le uova, una alla volta (meglio se non sono fredde di frigoifero, montano più difficilmente, in caso lasciarle un paio di minuti in un recipiente con acqua calda).
  • Setacciare farina, cacao e lievito e aggiungerli pian piano al resto del composto.
  • Se l'impasto risulta molto duro aggiungete un po di latte freddo.
  • Versate il tutto in uno stampo precedentemente imburrato e infarinato.
  • Cuocete in forno a 155/160°C per 40 minuti ca. accertatevi comunque con uno stuzzichino che sia cotta. Fare raffreddare.

Questa torta è buona anche solo così, senza creme e cremine. Quella che ho preparato io, l'ho tagliata in due dischi (da fredda). Il primo l'ho bagnato con un pennello da cucina di sciroppo di amarene e succo d'arancia perchè erano bambini, altrimenti potete usare qualsiasi liquore (con le amarene il Maraschino è perfetto)! Continuando, cospargete il disco di panna fresca montata con un po di zucchero a velo (per tutta la torta 1/2 litro è sufficente poi dipende dai gusti). Ora cospargete la panna con le amarene e poi chiudete con l'altro disco, se volete potete bagnare anche questo con il succo di amarene.

Siccome anche a me riesce impossibile rendere la superficie liscia. Monto la torta al contrario, cioè con il fondo sopra, così è bella dirittta (o quasi) se avete una tasca da cucina (saque a poche) la riempite magari usate una bocchetta rigata e decorate la torta come volete. Se vi accontentate di poco lasciatela "nuda" o cospargetela di zucchero a velo. Per la panna colorata aggiungete un paio di gocce di sciroppo di amarene quando la panna è montata. Dimenticavo potete usare anche scaglie di cioccolato al latte o fondente.

Immagino di aver fatto un bel po di confusione, mi metto a disposizione per chi volesse provare e dovesse avere dei dubbi. Non sono molto brava nel scrivere le ricette, di più a metterle in atto. Come vedete nella foto del post precedente! Buon week end a voi che riposate!!

7 commenti:

  1. PRRRIIIIMOOOOOOO---imoooo----ooo, è l'eco della montagna, la prossima volta lo dico più piano.
    Interessante la torta, e per come l'hai scritta, a me personalmente, va bene. Però non ho capito quanto latte usare sul post si vede solo una slash (/) senza numeri.
    Ti abbraccio e ti auguro una buona notte e una buona domenica.

    RispondiElimina
  2. Non vedo il classico "quanto basta" ad indicare la quantità di qualcosa, mi fa morire dal ridere, fortuna che non cucino altrimenti mi ci incavolerei un sacco!!

    ciao e grazie della torta

    RispondiElimina
  3. Buon giorno angelo dei boschi! Mi diverto nel modificare un po le ricette, in modo da renderle uniche! Per quanto riguarda il latte, ho modificato lo slash della ricetta! Fammi sapere come ti riesce se ci provi! Buona domenica e a presto!!! Ciao ciao

    60gandalf! Non cucini??? Come fai? Comunque anche a me non piace leggere qb, nelle ricette che scrivo anche se mi verrebbe da scriverlo cerco di evitarlo, chi non conosce la ricetta non può capire a quanto corrisponde a un mio qb! Buona domenica e a presto!! Ciao ciao

    RispondiElimina
  4. eheheheh, grazie per la correzione.
    io ci provo, ma con i dolci sono un disastro, la mia specialità sono i primi. l'unico dolce che mi riesce non dico bene, molto, molto bene è il tiramisù.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Angelo dei boschi, figurati, spesso con i dolci ci vuole quel pizzico di pazienza in più... se le dosi non sono proporzionate può uscire di tutto tranne ciò che ci si aspetta! Ancora in bocca al lupo, aspetto tue notizie! Buona serata e buon inizio settimana! Ciao ciao

    RispondiElimina
  6. Scusa se m'intrometto, ma da buona svizzera vorrei far notare che la Schwarzwalder torte non è fatta con le amarene e il Maraschino, come da tua ricetta, ma da ciliege e liquore Kirsch che purtroppo in Italia è difficile da trovare, scusa, sai ma mi è sembrato doveroso precisare, sarebbe come se uno facesse il risotto alla milanese col ...curry, che è sì giallo, ma non è lo zafferano. ciao

    RispondiElimina
  7. Buonissimaaaa! l'ho mangiata a Bolzano!

    RispondiElimina

A te la parola!